Normativa RoHS: una garanzia per il consumatore

Dalla necessità di ridurre il più possibile l’enorme quantitativo di rifiuti originati da apparecchiature elettroniche obsolete, che come ben sappiamo possono causare seri danni all’ambiente e a tutti gli esseri viventi, l’Unione Europea ha varato nel 2003 la Direttiva RoHS.

La Direttiva Europea 2002/65/CE denominata RoHS (Restriction of Hazardous Substances Directive) è una normativa che impone determinate restrizioni nell’uso di sostanze pericolose all’interno di apparecchi elettrici o elettronici da parte dell’Unione Europea.

Essa è strettamente connessa alla più nota Direttiva RAEE, che determina le norme sulla rottamazione di apparecchiature elettriche ed elettroniche, regolando l’accumulazione, il riciclaggio e il recupero di tali apparecchiature.

Dettagli della normativa comunitaria RoHS

Quali sono le sostanze con restrizioni d’uso secondo la RoHS? Piombo (Pb), mercurio (Hg), cadmio (Cd), cromo esavalente (Cr6+) ed alcuni ritardanti di fiamma (bifenili polibromurati (PBB) ) oltre ad eteri di difenilepolibrominato (PBDE) nella produzione della maggior parte delle apparecchiature elettriche ed elettroniche commercializzate all’interno dell’Unione Europea, anche se prodotte in paesi extraeuropei.

Molte sono le apparecchiature interessate a tali limitazioni, quali ad esempio: elettrodomestici, apparecchi di illuminazione (lampadine comprese), giocattoli, dispostivi medici, apparecchi informatici, distributori automatici ecc..

Marchio CE

Quando verifichiamo che sia presente la marcatura CE su un determinato prodotto, controlliamo di fatto che sia anche conforme ai principi della direttiva RoHS. Senza tale conformità, infatti, qualunque prodotto elettrico o elettronico non può essere dotato del marchio CE, che dichiara la conformità di sicurezza dell’oggetto in base ai requisiti previsti dalle direttive o regolamenti comunitari

Dettaglio cristallo in un anello di un lampadario della collezione Fedi by Patrizia Volpato

I prodotti Patrizia Volpato conformi alla normativa RoHS

Tutti i nostri prodotti sono conformi alle norme della Comunità Europea sia in termini di sicurezza fotobiologica, come ricordato nel precedente articolo , che di sicurezza elettrica. Le creazioni firmate Patrizia Volpato sono conformi a tutte le norme di sicurezza dell’Unione Europea, rispettando la direttiva RoHS e riportando la corretta denominazione CE.

Per questo ci avvaliamo di diversi enti e certificatori esterni che in un’operazione costante, verificano i nostri prodotti per garantire la totale conformità a tutte le norme di legge dell’Unione Europea. In particolar modo, uno dei nostri materiali di maggior pregio, il cristallo , che utilizziamo in diversi prodotti di illuminazione di design, è certificato RoHS: non risulta avere livelli di pericolosità, in questo caso legati al piombo, nella sua composizione.

LAMPADARIO con triedri in cristallo o triedri e quadriedri in vetro di Murano, disponbili in molti colori, montatura in cromo lucido o oro 24 carati: Cristalli 6030/

Noi di Patrizia Volpato forniamo all’interno di ogni nostra creazione, i documenti che attestino la sicurezza del prodotto e tutti i test eseguiti su di esso, per dare ad ogni nostro cliente la certezza di aver acquistato non solo un prodotto di lusso, ma anche sicuro per il consumatore.

Dichiarazione di conformità RoHS dei prodotti in cristallo di Patrizia Volpato

JTP Informatica

all author posts

Scrivi il tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are makes.

3 × 3 =